news adn

Scarica l'App Ufficiale del Comune di Milazzo

lunedì 30 dicembre 2019

Area Marina protetta, dal Ministero arriva la proroga sul Disciplinare provvisorio


Area marina protetta, in attesa del decreto del Ministero dell’Ambiente di istituzione della “Commissione di riserva”, da Roma è arrivata la proroga del disciplinare provvisorio, che scadeva oggi, al fine di evitare di bloccare le attività consentite all’interno dell’Amp. Lo ha reso noto il presidente del Consorzio di gestione, Giovanni Mangano nel corso della conferenza stampa finalizzata a fare il punto della situazione su quanto fatto in questi 150 giorni. Un disciplinare che peraltro contiene una modifica importante per la marineria. Infatti viene previsto che i pescatori professionisti residenti a Milazzo, seppur iscritti a cooperative che non hanno sede legale nella nostra città, potranno pescare nelle zone consentite.
“Era un impegno che avevo assunto – ha detto Mangano – e sono contento di averlo rispettato visto che ritenevo una penalizzazione per chi vive solo di pesca non poter accedere nell’Amp perché pur residente a Milazzo faceva parte di un’associazione che non ha la sede nella nostra città. Ringrazio il direttore del Ministero, dottoressa Giarratana per aver condiviso la questione e dato l’ok alla modifica del disciplinare”.

I dettagli di questa modifica saranno illustrati nel corso di una riunione già promossa con la marineria, venerdì prossimo. Per il futuro si attende l’istituzione da parte dello stesso ministero della “Commissione di riserva” che affiancherà il gestore formulando proposte e suggerimenti per quanto attiene al funzionamento dell’Area marina protetta. Il Comune di Milazzo ha già individuato quale proprio rappresentante il dottor Sebastiano Capone. A quel punto si potrà procedere all’approvazione del Regolamento di esecuzione e di organizzazione definitivo previsto nel decreto istitutivo dell’Amp.
L’incontro con la stampa, alla quale hanno presenziato anche il sindaco Formica che ha ribadito l’importanza per il territorio dell’istituzione dell’Area marina protetta, il comandante in seconda della Capitaneria di porto, Donato, l’assessore Ruello ed i rappresentanti di Marevivo, è stato, come detto l’occasione anche per parlare di programmazione futura. Il presidente del Consorzio ha annunciato l’imminente realizzazione di due zone di ormeggio a Capo Milazzo (Baia di Sant’Antonio e Rinella) per i diportisti, “con costi molti bassi per i residenti e accessibili per chi giunge da fuori Milazzo) e di quattro gavitelli per i diving e le attività collegate al mare, la delimitazione con delle boe speciali e segnalatori della zone A (spesa circa 250 mila euro) e il mantenimento di alcune zone di ancoraggio.
Quindi, dopo una breve relazione del direttore facente funzione della Riserva, Gianni Lombardo, sugli adempimenti gestionali (approvazione bilancio e altre pratiche burocratiche), lo stesso Mangano ha comunicato l’imminente avvio di progetti legati a risorse europee. Uno denominato “Bioblue” è stato portato avanti assieme all’Università di Messina col coordinamento della dottoressa Nunzia Spanò e all’area marina protetta di Gozo (Malta) e prevede un servizio innovativo di pulizia delle spiagge di competenza dell’Amp. Previsti poi altri due progetti per le scuole, da realizzare in collaborazione con Marevivo e poi un progetto, ancora in fase di definizione denominato “Blunet” contro i rischi dell’inquinamento marino.
Ulteriore passaggio ha riguardato la promozione dell’Area marina. E’ stato presentato un calendario sui fondali e le bellezze del promontorio realizzato grazie a delle foto concesse gratuitamente dal biologo Carmelo Isgrò e annunciata la partecipazione alle fiere di settore di Bologna e alla Bit di Milano. Una promozione che sarà sviluppata sinergicamente – come ha sottolineato anche l’assessore al turismo Pierpaolo Ruello – con il Comune “perché ormai l’offerta turistica di Milazzo passa anche attraverso le grandi potenzialità offerte dall’Area marina protetta che ovunque ha un ruolo trainante”.
 L’ultimo aspetto trattato da Mangano ha riguardato il ricorso presentato al Cga contro la perimetrazione. “Una scelta che non capisco e non giustifico se non da ragioni politiche – ha concluso – visto che tra i firmatari del ricorso c’è l’unica cooperativa milazzese che era autorizzata ad andare a mare. E poi qualche giorno prima in una riunione avevo dato l’apertura a ridiscutere la perimetrazione. Oggi questa apertura non c’è più e quindi attenderemo la pronuncia dei giudici amministrativi. Di certo come  Consorzio ci costituiremo nel giudizio”.

Nessun commento:

Posta un commento

Segui il tuo comune su facebook!