news adn

Scarica l'App Ufficiale del Comune di Milazzo

mercoledì 19 giugno 2019

“Natura e biodiversità”, Comune presenta un progetto per Capo Milazzo


In attesa di definire il Consorzio di gestione dell’Area marina protetta, il Comune di Milazzo cerca di inserirsi nelle opportunità offerte dall’Unione Europea. Nell’ambito dell’’Invito a presentare proposte (Call for proposals) per l’annualità in corso per le diverse tipologie di progetti afferenti al settore prioritario “Natura e Biodiversità” del sottoprogramma Europeo Ambiente LIFE 2014-2020, è stato presentato il progetto “LifePromeareef”, destinato allo studio e tutela delle bio-formazioni a molluschi distribuiti lungo la costa settentrionale del promontorio di Capo Milazzo.

Lo studio e la tutela di queste importanti costruzioni biogeniche si inseriscono – come evidenzia il responsabile dell’Ufficio Europa, Giovanni Mangano - nel crescente quadro di protezione cui è sottoposto il Promontorio di Capo Milazzo (Area Marina Protetta, SIC Marino e Terrestre). Le strutture biogeniche create da questa specie di molluschi ono particolarmente vulnerabili ai cambiamenti ambientali ed alle attività umane e stanno ora vivendo un'alta mortalità in diverse aree del Mar Mediterraneo. Queste strutture viventi svolgono un ruolo importante come modulatori dei processi morfologici costieri e come "ingegneri" ecologici, rendendo l'habitat più complesso e tridimensionale e promuovendo la biodiversità marina. Per la sua facile accessibilità (si trova nella fascia di marea) è molto vulnerabile all'attività umana costiera e pertanto è opportuna operare una corretta pianificazione nelle aree in cui sono presenti le barriere coralline, al fine di minimizzare ogni potenziale minacce ambientali, dovrebbe essere una priorità”.
A supportare scientificamente il Comune di Milazzo sarà un partenariato scientifico composto da: Ispra (Istituto superiore per la protezione e ricerca ambientale), Istituto nazionale di oceanografia e geofisica applicata; Stazione zoologica Anton Dohrn.
La proposta di studio e tutela attiva sarà destinata a sviluppare tecniche per il monitoraggio di habitat e specie protette al fine di ottenere una migliore conoscenza della biologia e delle relazioni abiotiche e formulare uno piano di protezione con strumenti a basso impatto ambientale e replicabili in altre aree.


Nessun commento:

Posta un commento

Segui il tuo comune su facebook!