news adn

Scarica l'App Ufficiale del Comune di Milazzo

giovedì 14 febbraio 2019

Blocco delle assunzioni negli enti in dissesto, il sindaco Formica scrive all’Anci


Il sindaco Formica ha inviato ieri una lettera all’Anci Sicilia per chiedere di affrontare una volta per tutte l’emergenza degli enti locali siciliani in merito al blocco delle assunzioni. Documento che nel settembre dello scorso anno il primo cittadino aveva inviato ai rappresentanti del governo nazionale nella speranza che, in sede di predisposizione della legge finanziaria si tenesse conto delle difficoltà rappresentate e della soluzione pure suggerita. Ed invece alcuni emendamenti fatti inserire da parlamentari siciliani sono stati stralciati dopo essere stati inseriti.
E oggi il Comune di Milazzo si ritrova senza il ragioniere generale, ingegneri, assistenti sociali e soprattutto vigili urbani, “figure  fondamentali  per assolvere  alle loro funzioni e di fornire i servizi pubblici essenziali ai cittadini secondo adeguati livelli quantitativi e qualitativi”.

“Il recente ampliamento degli spazi assunzionali disposto dal legislatore – scrive Formica – è una misura di fatto inapplicabile agli enti che hanno dichiarato il dissesto; ciò a causa di una norma introdotta nel 2016 che impedisce di procedere ad assunzioni a qualsiasi titolo, ivi incluse quelle conseguenti ai processi di stabilizzazione del personale precario, nei casi  di mancata approvazione degli strumenti finanziari (bilancio di previsione, conto consuntivo e bilancio consolidato), per l’esercizio in corso.
Gli enti in dissesto come il nostro fisiologicamente non riescono a possedere tale requisito  se non alla fine del quinquennio previsto per il risanamento, con la conseguenza che, anche in caso di assoluta carenza in organico di figure infungibili (ad es. il Ragioniere o il Tecnico), non possono procedere ad assunzioni, trovandosi in una situazione di insuperabile stallo.
Ciò determina un gravissimo ostacolo al processo di risanamento degli enti in dissesto, comportando livelli di malfunzionamento intollerabili che, oltre a determinare un innalzamento dei costi da inefficienza, pregiudicano gravemente il diritto dei cittadini a vedersi garantiti i servizi essenziali”.
Quindi il passaggio relativo al personale contrattista.
«Queste limitazioni incidono anche sulle stabilizzazioni del personale precario proveniente dal bacino degli ex lavoratori socialmente utili.  L’impossibilità di stabilizzare, anche parte di detto personale che  rappresenta spesso oltre la metà delle unità in servizio, determina l’interruzione, dei relativi contratti, con la conseguente paralisi degli enti in cui interi uffici (es polizia municipale, servizi tecnici o ragioneria) sono ormai retti quasi unicamente da tale tipologia di personale precario. Questo  significa che tutti i Comuni (specie quelli in dissesto) che non avranno, come è fisiologico che sia, tutti i bilanci approvati, non potranno procedere alla stipula dei contratti e, a termine spirato, nemmeno alle proroghe.
Da qui la richiesta all’associazione che rappresenta i Comuni siciliani di  un intervento legislativo che disponga una deroga per gli enti in dissesto.


Nessun commento:

Posta un commento

Segui il tuo comune su facebook!